Quel vecchio "articolo 1083" e... gatta ci cova!




La celebrata commedia di Antonio Russo Giusti trova nuova vita al "Don Bosco" con la compagnìa di Carmelo Caccamo

Carmelo Caccamo e la sua “Gatta ci cova” approdano al teatro Don Bosco del viale Mario Rapisardi, 56 a Catania. Tre appuntamenti per la compagnia “Carmelo Longo” e la “Erre Production”. Il debutto è oggi, 3 febbraio, alle ore 20.30, si replica sabato 4 febbraio alle 17 e alle 21 e domenica 5 febbraio alle ore 18. La commedia brillante in tre atti di Antonio Russo Giusti si snoda intorno all’articolo 1083 del vecchio codice civile che sanciva la norma della revoca di un atto di donazione.
“L’articolo 1083” è, in effetti, il titolo originale della commedia fino a quando uno dei più grandi interpreti della commedia dialettale siciliana, Angelo Musco, insieme a Rosina Anselmi, interpretò la versione cinematografica nel 1937, trasformando il titolo in “Gatta ci cova” e facendolo così uno dei suoi cavalli di battaglia. La trama, tra esilaranti e teneri colpi di scena, narra di un ricco proprietario terriero, Isidoro, e di sua sorella, l’acida Antonia, che si attendono un lascito. Il povero uomo, dapprima spogliato dei suoi beni a causa della furberia della sorellastra, consigliata da un malizioso legale, rientra in possesso delle proprietà facendo, appunto, riferimento all’articolo 1083, che riguarda l’adozione o la legittimazione di un figlio. È storia di piccole beghe e litigi tra il fratello e la sorella, a tratti patetica e comica propria della personalità del protagonista, al quale, in età giovanile, la caduta da un albero fa perdere le forze naturali per crescere, facendolo restare bambino, buono e ligio agli insegnamenti della madre. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare il numero 349-3179387 o visitare i canali social di Carmelo Caccamo.



Fonte: Ufficio Stampa Carmelo Caccamo / Simone Russo
top