Nella sala consultazione della biblioteca sita a Catania in via Naumachia 18/a si presenta il volume con gli scritti dell’attivista scomparso nel 2017

 


Avrà luogo domani, venerdì 12 aprile 2024 alle ore 18.00 nella sala consultazione della Biblioteca Navarria Crifò (via Naumachia 18/a, Catania), la presentazione del libro "Scritti dalla città d'utopia" di Gabriele Centineo, a cura di Antonio Auletta, Antonio Pioletti e Felice Rappazzo.

Interverranno:

Antonio Pioletti, co-curatore del volume, Professore Emerito di Filologia Romanza presso l'Università di Catania, già direttore di città d'utopia;

Francesco Sciotto, Pastore della Chiesa Valdese di Messina;

Mimmo Cosentino, Segretario Provinciale di Rifondazione Comunista. 

“IL CORPO NERO”, DI ANNA MARIA GEHNYEI

 

Fra le proposte letterarie della Fandango Edizioni emerge il diario di una italiana di seconda generazione

 


Il Corpo Nero, edito da Fandango Edizioni, è l'autobiografia in cui Anna Maria Gehnyei, una giovane nata e cresciuta nella periferia di Roma Nord, che racconta la sua vita di immigrata di seconda generazione e il difficile percorso di integrazione in Italia, di costruzione del sé, attraverso la continua e faticosa, seppur affascinante, ricerca delle proprie origini e del proprio posto nel mondo. Anna nasce a Roma da genitori liberiani. I suoi si sono trasferiti in Italia negli anni '70. Suo padre è stato il primo uomo della comunità Kpelle a cui i capi del suo villaggio d'origine, Wongbai, hanno permesso di allontanarsi dalla terra natale e di trasferirsi in Europa. Dopo aver studiato nella capitale, Monrovia, dove ha conosciuto la sua futura moglie, ha lavorato per l'ambasciatore liberiano, che lo ha voluto con sé a Roma. Successivamente, con l'intensificarsi dei conflitti in Liberia l'ambasciatore, sapendo di non essere al sicuro nemmeno in Italia, è scappato nel cuore della notte negli Stati Uniti, lasciando il padre di Anna e la moglie da soli in un Paese al quale non hanno mai sentito di appartenere. Dopo un po' nascono le figlie, Anna e la sorella gemella Maria. Nonostante i torti e soprusi che il mondo occidentale, nel corso della storia, nel corso della storia, ha inflitto e continua a infliggere agli africani, la madre di Anna educa le sue figlie ad amare gli italiani incondizionatamente, e a non cedere ai rancori e all'odio tra etnie. Anna si sente italiana, ma fin da piccola vede che in quella che chiama «la terra dei colori al contrario» né lei, né la sorella, riescono ad essere accettate, a causa di una xenofobia talvolta latente, e altre volte palese, ma comunque onnipresente e capace di imprimersi nella psiche di due bambine che si sono dovute smarrire nell'edificio di una scuola elementare, per essere notate dai compagni di classe e dalle insegnanti, spesso omertose e per questo complici dei comportamenti discriminatori subiti dalle gemelle.

 

Si è rinnovato il consueto appuntamento aperto a chi vorrà leggere i propri componimenti ed ascoltare quelli degli altri

 


Lo scorso giovedì 21 marzo 2024 si è svolta nella storica sede della Sala Magma di via Adua 3, a Catania, la 25^ “Giornata Mondiale della Poesia”, celebrata in tutto il mondo dall’UNESCO e organizzata dal Centro culturale e teatrale Magma di Catania, diretto da Salvo Nicotra e dalla “Bottega della Poesia - Leggiautori”, in collaborazione con l’associazione Terre forti diretta da Alfio Guzzetta.

 

Al Centro culturale “Giovanni Verga” per il progetto “Crescere attraverso l’ascolto: le nuove formazioni da camera”

 


Riprendono in questo 2024 le esibizioni dal vivo del Duo Improprium, nuovo ed innovativo ensemble composto da Domenico Testaì, flautista impegnato in numerose formazioni di grande prestigio e con collaborazioni di alto profilo, e Maurizio Burzillà, fisarmonicista di rimarcato talento e poliedricità molto apprezzato anche all’estero, Duo che ha dato alle stampe “Incontro”, il proprio EP di esordio.

 Sarà un Novecento eclettico, quello presentato dal Duo Improprium nel concerto di lunedì 18 marzo al Centro culturale “Giovanni Verga” di S. Agata Li Battiati, alle 11.10, che coinvolgerà gli studenti della scuola media statale “Mario Pluchinotta”, nel terzo appuntamento del Progetto “Crescere attraverso l’ascolto: le nuove formazioni da camera” promosso dalla Società Catanese Amici della Musica, sotto la direzione artistica di Anna Rita Fontana. Giunto alla seconda edizione con cinque concerti articolati (anche quest’anno) fra i comuni di S.Agata Li Battiati e Nicolosi, il progetto è rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado, con l’obiettivo di sviluppare le capacità attentive e di percezione timbrica degli studenti, attraverso un ascolto guidato, favorendo anche la conoscenza delle famiglie strumentali e dei repertori di storia della musica. Giostrato fra accenti di tango argentino, bossa nova brasiliana, rock, ciarda ungherese, oltre a rivisitazioni della polifonia di Bach, il programma del Duo Improprium si basa su musiche di Astor Piazzolla (Tango n. 3, Morte dell’Angelo), Antonio Carlos Jobim (Chega de Saudade, Luiza), Maurizio Burzillà (Improprium, Allegretto fugato) Frank Zappa (Arabesque) e Vittorio Monti (Ciarda).

 

Si rinnova il consueto appuntamento aperto a chi vorrà leggere i propri componimenti ed ascoltare quelli degli altri

 


È in programma giovedì 21 marzo alla Sala Magma di Catania, in via Adua 3, dalle ore 18.00 alle 20.00, la “Giornata Mondiale della Poesia” indetta dall’Unesco, organizzata dal Centro culturale e teatrale Magma, diretto da Salvo Nicotra e dalla “Bottega della Poesia - Leggiautori”, in collaborazione con l’associazione Terre forti. Il tradizionale appuntamento, giunto alla sua venticinquesima edizione, è curato e coordinato da Orazio Indelicato, secondo una formula molto semplice e che si basa sull’invito “a leggere le proprie poesie e ad ascoltare quelle degli altri”.


Nella sala consultazione della biblioteca sita a Catania in via Naumachia 18/a dialogherà con l’autrice lo psicologo e psicoterapeuta Gabriele Formosa

 


Avrà luogo domani, sabato 9 marzo 2024 alle ore 18.30 nella sala consultazione della Biblioteca Navarria Crifò (via Naumachia 18/a, Catania), la presentazione del libro Il corpo nero, il “caso letterario” del 2023 sull’Italia che si finge non razzista, opera prima della cantante, danzatrice, e producer italiana di origine liberiana Anna Maria Gehnyei, nota con il nome di Karima2G, ed uscito per i tipi di Fandango Libri.

Dialogherà con l’autrice lo psicologo e psicoterapeuta Gabriele Formosa.

TROVARSI. QUANDO SI È QUALCUNO

  

Il Teatro del Canovaccio produce uno spettacolo originale su Pirandello

 

© Agatino Di Polito

Si sono concluse domenica 25 febbraio le ultime repliche della pièce Trovarsi. Quando si è qualcuno. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro del Canovaccio, per la regia di Marco Longo, che si è occupato anche dell'adattamento dei testi, è andato in scena il 17 e il 18 febbraio, il 21 (replica straordinaria), e il 24 e 35 febbraio, al “Teatro del Canovaccio”.

 

Claudio Zappalà porta in scena "L'arte della resistenza"

 


Il 17 e il 18 febbraio è andata in scena, allo Zō Centro Culture Contemporanee, la pièce teatrale L'arte della resistenza, della compagnia Barbe à Papà Teatro, per la regia di Claudio Zappalà, con Chiara Buzzone, Federica D'Amore, Totò Galati e Roberta Giordano.

  

Nuova esibizione per il virtuoso della sei corde elettrica, capace di incollare alla sedia tanto gli appassionati che i semplici curiosi

 


Venerdì 1 marzo, alle ore 20,45, la storica Sala Magma di via Adua 3, a Catania, diretta da Salvo Nicotra, ospiterà il Recital di chitarra jazz di Vincenzo Di Vita nell’ambito dell’attività concertistica “Fuorischema 2024” che si avvale della consulenza del Maestro Salvatore Daniele Pidone. Il musicista Vincenzo Di Vita occupa un posto importante nell’attività concertistica più che quarantennale di “Fuorischema” e la sua prima esibizione alla Sala Magma risale al 2002 in Duo di chitarra e pianoforte ed è poi ritornato come solista ed in Duo di chitarra e sax tenore nel 2005 e nel 2006 e 2016 come solista. Nel suo Recital di chitarra jazz Vincenzo Di Vita proporrà la rilettura di standard del repertorio jazzistico e non solo, oltre all’esecuzione di proprie composizioni.

 

Nuove collezioni della stilista rendono ogni abito un'opera d'arte "Made in Sicily"



La magia di tessuti preziosi e soluzioni stilistiche raffinate e innovative caratterizzano le collezioni “Unconventional bridal couture” e “Flower Harmony” di Giusi Munafò. Entrambe sono state ideate e realizzate in Sicilia, terra di miti e leggende, in cui storia e natura sono continue fonti d'ispirazione. Gli abiti di queste collezioni, impreziositi da tessuti ecosostenibili e da pregiati tecniche artigianali, raccontano la bellezza e l'arte con un design contemporaneo ed esclusivo.
Giusi Munafò Atelier è sinonimo di creatività, di “made in Sicily” e di slow fashion, una filosofia che celebra l'unicità di ogni donna. La fondatrice, stilista e fashion designer del Brand “Giusi Munafò haute couture”, ha portato l'arte della moda in eventi e passerelle internazionali, dalla Fashion Week di New York e di Milano al Taomoda Awards.

La visione unica e il design della stilista siciliana trasformano ogni abito in un'opera d'arte, che unita alla consulenza di stile, all’analisi della figura e all’armocromia, creano un total look personalizzato per ogni donna.
Un’esplosione creativa di colori energici caratterizza "Flower Harmony", la nuova collezione ispirata all’armonia dei fiori e dei colori, in un mood gioioso, elegante, dinamico. La stilista prende spunto dall’energia del sole siciliano per creare una collezione pulita e fresca, con una forte espressione cromatica, silhouette scultoree e una varietà di texture. Sono opere d’arte che diventano sovrastrutture da indossare, abiti ispirati alla bellezza della natura, in grado di colorare di energia i momenti speciali di ogni donna.
“Unconventional Bridal Couture” si è fatta già apprezzare per l’innovazione. Si tratta di una straordinaria collezione di abiti da sposa fuori dagli schemi, che celebra la personalità delle spose moderne e al passo con i tempi. Le scelte della stilista sono coerenti con la ricerca di linee pure e la sovrapposizione di eleganti e discrete trasparenze che da sempre caratterizzano i suoi lavori.
Un design unico ed originale, ricco di dettagli che fanno la differenza, con la possibilità di mixare e personalizzare l’abito, trasformandolo con un cambio look d’effetto durante il ricevimento.
Pizzi, ricami, seta, organza, trasparenze e lunghezze che si accorciano pensate per una sposa frizzante che vuole stupire. Ma anche scelte più tradizionali e romantiche come l’intramontabile sirena, reinventata, però, in chiave quasi “rock”.
“Amore, passione, cultura, arte, ricerca ed eleganza sono i valori che muovono il mio pensiero creativo” afferma Giusi Munafò che nel suo atelier di Avola, in provincia di Siracusa, mixa sapientemente per le sue creazioni artigianato, arte e tecniche moderne.


Anna Murè


ADV ----- >




 

 

Nella sala consultazione della biblioteca sita a Catania in via Naumachia 18/a dialogherà con l’autrice la psicologa e psicoterapeuta Daniela Marra

 


Avrà luogo domani, vener 23 febbraio 2024 alle ore 18.30 nella sala consultazione della Biblioteca Navarria Crifò (via Naumachia 18/a, Catania), la presentazione del libro Bricioli, risi e narcisi, nuova opera letteraria di Renata Governali.

Dialogherà con l’autrice la psicologa e psicoterapeuta Daniela Marra.

 

L’atteso live nel teatro del Polo Culturale di via Dello Stadio

 


Sabato 24 febbraio, alle ore 21, nel Polo Culturale di Sant'Agata Li Battiati, in via Dello Stadio 19, ci sarà il concerto del ‘Gent Rushi Trio’, nell’ambito della stagione concertistica Jazz@Theater, promossa dall’associazione Musikante.

 

Una giornata a sostegno delle libertà per le chiese protestanti italiane, nell’anno delle celebrazioni dell’850° anniversario della nascita del movimento valdese

 


Torna puntuale come ogni anno l’appuntamento della “Festa della Libertà” promosso dalla Chiesa Evangelica Valdese di Catania insieme alla Chiesa Evangelica Battista di Catania. Una giornata in cui battisti, metodisti e valdesi riflettono sul tema della libertà avrà luogo domani, domenica 18 febbraio negli spazi del Tempio della Chiesa Valdese, in via Naumachia 18/b a Catania (zona Castello Ursino).

Si inizia alle 10.30 con la celebrazione del culto, a cui seguirà alle 12 l’agape comunitaria. A seguire, proiezioni, riflessioni e testimonianze, per concludere alle 16 con un rinfresco con vin brulè ed il consueto falò acceso nel giardino del Tempio, accompagnato dal canto del tradizionale “Giuro di Sibaud”.

 

Rileggiamo il libro d'esordio di Morgana Chittari

 


Nel settembre del 2020 è stato pubblicato da Lekton Edizioni il libro “Frantumi”, scritto da Morgana Chittari, autrice e attivista per i diritti della comunità LGBT e Queer.

 

Parte la rassegna con otto appuntamenti di grande profilo “Waiting Battiati Jazz Festival 10ª Edizione” - primo live XYQuartet alle 21 al teatro del Polo Culturale di via dello Stadio

 


Si annuncia ricca di emozioni la rassegna Jazz@theater al via sabato 10 febbraio alle 21 al teatro del Polo Culturale di via Dello Stadio 19 a Sant’Agata Li Battiati (CT). 8 appuntamenti per il cartellone, organizzato dall’Associazione Musikante, il cui sottotitolo è “Waiting Battiati Jazz Festival 10ª Edizione”.

Ad aprire i live sarà l’XYQUARTET, con Nicola Fazzini al sax alto, Alessandro Fedrigo al basso, Saverio Tasca al vibrafono e Luca Colussi alla batteria.


Nella sala consultazione della biblioteca sita a Catania in via Naumachia 18/a l’incontro con l’autrice e la mostra che rimarrà aperta anche il 12 e il 15 febbraio

 


Avrà luogo vener 9 febbraio 2024 alle ore 18.30 nella sala consultazione della Biblioteca Navarria Crifò (via Naumachia 18/a, Catania), la presentazione del libro “Una risposta est-etica” di Giuseppina Radice, Storica dell’Arte, con una mostra da tavolo ideata e curata da Danila Narcisi in collaborazione con Adriana Tomasello. 

  

La compagnia “Teatro Segreto” ha presentato a Catania "Dio non parla svedese"

 


Sabato 20 e domenica 21 gennaio, al Centro Zo Culture Contemporanee, fucina culturale e artistica attiva da anni nel territorio catanese, è andato in scena Dio non parla Svedese, spettacolo prodotto da Teatro Segreto, scritto e interpretato da Diego Frisina, per la regia di Ludovico Buldini, che ha curato anche il disegno di luci. La pièce ha la struttura narrativa di un monologo, è stata selezionata al Palco Off Milano Off Fringe Festival 2022 e apre la stagione della rassegna teatrale Palco Off del 2024.

IL MARE MOSSO DEL SENTIRE

 

Evelina Santangelo ha presentato a Catania il suo nuovo libro



Sabato 13 gennaio, alla libreria catanese "Mondadori Bookstore", sita in Piazza Roma, è stato presentato "Il sentimento del mare", l'ultimo libro di Evelina Santangelo, scrittrice navigata della casa editrice Giulio Einaudi Editore, collaboratrice della rivista L'Espresso, e docente di scrittura alla prestigiosa Scuola Holden.

È intervenuta Barbara Mileto, scrittrice, storyteller e educatrice, che da anni si occupa di condurre laboratori esperienziali per bambini e adulti nelle principali librerie di Catania.

 

A Catania la pièce diretta da Roberto Zorn Bonaventura

 


Venerdì 19 e sabato 20 gennaio, alle ore 20,30, nello spazio artistico Roots, in via Borrello, 73 a Catania andrà in scena lo spettacolo ‘In alto mare’, prodotto da Nutrimenti terrestri e Castello di Sancio, testo di Sławomir Mrożek. Prima rappresentazione teatrale dell’anno all’interno del cartellone ‘Rigenerazioni’.

I protagonisti si sfidano per la sopravvivenza trovandosi su una piccola zattera in alto mare, si scontrano si dibattono su chi dei tre debba essere mangiato per salvare gli altri due. Un testo forte che si dipanerà tra surreali logiche politiche e tragicomiche tensioni sino a arrivare a una scelta. Ma sarà quella giusta? 

PEPPA ‘A CANNUNERA: IL FUOCO DEGLI IDEALI

 

Tra storia e leggenda la vita di una protagonista dei moti antiborbonici

 


Una delle figure ormai diventate iconiche nella storia italiana e soprattutto della storia siciliana è Giuseppina Bolognara Calcagno, meglio conosciuta, grazie alle sue gesta da rivoluzionaria antiborbonica, come Peppa 'a cannunera.

La sua vita, a causa dell'insufficienza e della scarsa oggettività delle fonti, è una terra di mezza fra leggenda e Storia, ma ciò che vogliamo qui sottolineare sono le qualità e le azioni che l'hanno resa un'eroina del Rinascimento.

top